GIORNATA DEI GIOCHI DELLA GENTILEZZA

GIORNATA DEI GIOCHI DELLA GENTILEZZA - I Giochi della Gentilezza

Compila il modulo di partecipazione. Grazie

Mezzo Pieno

Mezzo Pieno - I Giochi della Gentilezza

L'associazione Cor et Amor aderisce al Movimento Mezzopieno

C'Era una Volta

C'Era una Volta - I Giochi della Gentilezza

coordinerà la Giornata Nazionale dei Giochi della Gentilezza nelle Marche

CONDIVI I TUOI GIOCHI DELLA GENTILEZZA

CONDIVI I TUOI GIOCHI DELLA GENTILEZZA - I Giochi della Gentilezza

Grazie per la condivisione

Grazie per l'attenzione

Grazie per seguirci

Grazie per seguirci - I Giochi della Gentilezza

Grazie per seguirci - I Giochi della Gentilezza

QUANTE NE VUOI DI QUESTE?

QUANTE NE VUOI DI QUESTE? - I Giochi della Gentilezza

ETA’: 6-10 anni

PARTECIPANTI: a partira da 6

AMBITO: scuola.

AMBIENTE: Tutti gli ambienti sulla terra

DURATA: 20 minuti

MATERIALE: nessuno

DESCRIZIONE: Una variante del gioco tradizionale . Si gioca a coppie. A turno, un giocatore si pone alle spalle dell’altro e gli chiede “Quante ne vuoi di queste?” Colui che riceve, dice un numero da uno a cinque, non sapendo che cosa gli arriverà. Il compagno alle sue spalle deve rivolgergli gesti o parole gentili , nel numero richiesto. I gesti devono essere delicati perché dati alle spalle, quindi devono mettere chi li riceve in condizione di rilassamento e fiducia (carezze su guance, spalle, schiena, massaggi sulla schiena, leggeri soffi sui capelli, massaggi con un solo dito…) Le parole devono non devono essere ripetute per il numero di volte richiesto, ma devono essere una sequenza di espressioni diverse tra loro: complimenti, saluti, “ espressioni gentili”. Ad esempio, se il compagno dice il numero 3, chi è alle spalle può esprimersi in questo modo: 1. Ciao 2. Come stai? 3 Grazie per avermi scelto. Si stabilisce che il giocatore che sta alle spalle rivolge la domanda “Quante ne vuoi di queste? “ almeno quattro volte , scegliendo liberamente tra gesti e parole. Variante Delle quattro volte , una può essere un gesto diverso, per aumentare la suspence di colui che lo riceve. Può essere un pizzicotto, del solletico, purchè non faccia male. Finale Quando si stabilisce che il gioco è finito, si invitano i bambini a disporsi in cerchio e si riflette sull’agito: ciascuno può dire una parola o un gesto che ha apprezzato in modo particolare o non apprezzato; insieme si individuano gesti e parole più indicati per esprimere gentilezza e per infondere fiducia.

CONOSCENZE GENTILI ALLENATE: fiducia e parole gentili.

PROPOSTO DA: CLASSE 3 B SCUOLA PRIMARIA DI BOTTANUCO - BERGAMO nell'ambito della GIORNATA NAZIONALE DEI GIOCHI DELLA GENITLEZZA, UN GIOCO PER LA PACE

commenti (0)