GIORNATA DEI GIOCHI DELLA GENTILEZZA

GIORNATA DEI GIOCHI DELLA GENTILEZZA - I Giochi della Gentilezza

Compila il modulo di partecipazione. Grazie

Mezzo Pieno

Mezzo Pieno - I Giochi della Gentilezza

L'associazione Cor et Amor aderisce al Movimento Mezzo Pieno

CONDIVI I TUOI GIOCHI DELLA GENTILEZZA

CONDIVI I TUOI GIOCHI DELLA GENTILEZZA - I Giochi della Gentilezza

Grazie per la conndivisione

Grazie per l'attenzione

Grazie per seguirci

Grazie per seguirci - I Giochi della Gentilezza

Grazie per seguirci - I Giochi della Gentilezza

NAUFRAGHI AMICI

ETA’: dai 6 ai 10 anni

PARTECIPANTI: a partire da 12/13 bambini

AMBITO: scuola

AMBIENTE: Palestra

DURATA: 25/30 minuti

MATERIALE: cerchi e musica

DESCRIZIONE: alternativa senza eliminazioni al tradizionale gioco delle sedie. I giocatori sono naufraghi che girano attorno a cerchi disposti per formare a loro volta un grande cerchio o ellisse. C’è un cerchio in meno rispetto al numero di giocatori. Si muovono, nuotano, ballano a tempo di musica, quando la musica cessa, tutti devono andare sulla zattera ( ossia entrare in un cerchio ). Il gioco riprende con un cerchio in meno, quando la musica si ferma tutti devono salire sulle zattere, quindi in un cerchio dovranno entrare in due. Si prosegue togliendo un “cerchio-zattera” alla volta , ma nessuno deve rimanere fuori dai cerchi allo stop della musica, per questo chi entra per primo deve aiutare gli altri ad entrare, con gesti gentili e chi viene “raccolto” deve ringraziare. Quando un cerchio è totalmente occupato, il giocatore che non riesce ad entrare ha la possibilità di rituffarsi nell’oceano per salire su un’altra zattera. I compagni che hanno ancora spazio lo devono chiamare. I naufraghi devono stare in maggior numero in meno cerchi possibili, quindi si devono aiutare , trattenere, abbracciare; chi è ai bordi può anche stare in punta di piedi. Il tutto per almeno 10 secondi. Finale Il gioco finisce quando il gruppo constata che non è più possibile togliere cerchi. I naufraghi allora si tuffano nell’oceano . L’adulto che dirige il gioco dichiara che possono raggiungere l’isola, un materassone sul quale devono stare tutti insieme, solo se il gioco è riuscito, ossia non si sono verificati contatti scorretti. Variante -Si accettano proposte che emergono dai giocatori, atte a salvare il maggior numero di naufraghi come, ad esempio , avvicinare i cerchi finchè arrivano a toccarsi, per far sì che si recuperi spazio utile. - In base alle dimensioni del gruppo, l’adulto può stabilire che i naufraghi potranno raggiungere l’isola solo se saranno stati in grado di stare su un determinato numero di cerchi-zattere.

CONOSCENZE GENTILI ALLENATE: aiuto e parole gentili.

PROPOSTO DA: CLASSE 3 B SCUOLA PRIMARIA DI BOTTANUCO - BERGAMO nell'ambito della GIORNATA NAZIONALE DEI GIOCHI DELLA GENITLEZZA, UN GIOCO PER LA PACE

commenti (0)