GIORNATA DEI GIOCHI DELLA GENTILEZZA

GIORNATA DEI GIOCHI DELLA GENTILEZZA - I Giochi della Gentilezza

Compila il modulo di partecipazione. Grazie

Mezzo Pieno

Mezzo Pieno - I Giochi della Gentilezza

L'associazione Cor et Amor aderisce al Movimento Mezzo Pieno

CONDIVI I TUOI GIOCHI DELLA GENTILEZZA

CONDIVI I TUOI GIOCHI DELLA GENTILEZZA - I Giochi della Gentilezza

Grazie per la conndivisione

Grazie per l'attenzione

Grazie per seguirci

Grazie per seguirci - I Giochi della Gentilezza

Grazie per seguirci - I Giochi della Gentilezza

COSTRUIAMO LA PACE

COSTRUIAMO LA PACE - I Giochi della Gentilezza

ETA’: dai 6 ai 10 anni

PARTECIPANTI: da 3 in poi

AMBITO: scuola, tempo libero

AMBIENTE: aula

DURATA: dipende dal numero di partecipanti e dalla lunghezza del percorso che si fissa

MATERIALE: un cartoncino f4 colorato in cui ritagliare un cuore ed un anello di scotch carta

DESCRIZIONE: Da un lato della classe, inizialmente, ci sarà un bambino con in mano un cuore di cartoncino (il negativo da dove si è ritagliato il cuore sarà appeso sul muro del lato opposto della classe e al centro ci sarà un anello di scotch di carta per attaccare il cuore al termine del gioco). Un altro bambino si avvicinerà al primo e gli passerà sotto il tunnel formato dalle gambe divaricate. Rialzatosi, prende dall'amico il cuore e si mette davanti a lui sempre con le gambe divaricate. Di seguito tutti gli altri bambini faranno la stessa cosa e di conseguenza il tunnel delle gambe divaricate da attraversare andrà diventando sempre più lungo. In questo modo il cuore, un passo alla volta, si avvicinerà alla sede (il negativo del cartoncino di cui si è scritto sopra) di arrivo. Se tutti i bambini sono in fila, ma il traguardo da raggiungere è ancora lontano, il bambino in fondo alla fila, staccandosi, percorrerà il tunnel e rialzatosi prenderà il cuore; lo stesso faranno anche gli altri bambini fino al raggiungimento del traguardo.

CONOSCENZE GENTILI ALLENATE:  La capacità di collaborare e confrontarsi in modo pacifico e costruttivo indistintamente con tutti i compagni scoprendo l'interdipendenza degli uni dagli altri.

PROPOSTO DA: Leonardo Buffo

commenti (0)